sabato 24 ottobre 2015

GIRO SOFT A LOZZOLE. 23 ottobre 2015


E’ sempre una camminata estremamente coinvolgente raggiungere  l’antico Borgo di Lozzole. Io, fino a ieri, l’ho sempre raggiunto partendo: come prima scelta, da Fantino, nella Valle del Lamone, percorrendo il sentiero CAI n. 529, oppure, da Palazzuolo, Valle del Senio, su sentiero CAI n. 685, fino al Monte Prevaligo, poi su n. 505 fino al Borgo di Lozzole. Ma ieri, causa il mio scarso allenamento  ed un problemino ad una caviglia del neo-escursionista, che mi accompagnava,  ho pensato di portarmi abbastanza in alto con l’auto. Così  sono passata da Acquadalto ed ho  preso la vecchia strada per Lozzole.  Giunta, però, a circa metà percorso, ho parcheggiato ed abbiamo incominciamo a camminare. Fatto circa un chilometro, vediamo il cartello pubblicitario di 
“Ca’ Scheta  Bed e Breakfast”.





Non ero mai passata di lì, quindi, non conoscevo questo posto. Incuriositi  siamo andati a vedere e la sorpresa è stata davvero grande.








ad un primo sguardo, la casa non sembra ristrutturata e vien da pensare che non sia quella la casa di cui si legge sul cartello, ma poi come ci si avvicina si capisce che la ristrutturazione non poteva essere fatta meglio di così.







 tutto è stato riportato come in origine




















e, quando si entra non si sa dove appoggiare gli occhi...










si respira un'aria di buon gusto, competenza e signorilità, senza sfarzo, che fa stare bene.
















Forse non sono le parole giuste per commentare quello si trova all'interno di questa CASA, ma io esprimo quello che mi ha trasmesso la visita.









tutto in armonia














la zona notte curata nei minimi particolari


















con negli occhi, quest'armonia, d'altri tempi,









ripartiamo.







Dieci minuti di cammino e ci troviamo
a Campergozzole, la sua vista provoca sempre tristezza perchè ormai non ce la fa proprio più.






possibile che almeno non si possa CONSOLIDARE???                                           E' un patrimonio architettonico e culturale che non deve andare perso!!!!





Si spendono tanti soldi in opere inutili!!! Perchè gli assessori di competenza di Palazzuolo non si fanno un giretto da queste parti per vedere cosa si lasciano alla spalle con incomprensibile indifferenza???









Qui si vede la struttura dell'antica mulattiera.












Lozzole, grazie al Parroco e,



ad un gruppo di volontari sensibili e amanti della storia e delle nostre radici, sta rinascendo!






Vista verso la valle del Lamone












andiamo alla croce dove una volta esisteva un castello














bella salitina..



ed ecco arrivati. La piccola fatica regala una vista stupenda! Era un po che non salivo quassù.
Di quassù mi sento più vicina al cielo....








Lozzole è adagiato sulla quinta che separa la valle del Lamone dalla valle del Senio, posizione strategica, in passato, per meglio difendersi!





anna



2 commenti:

  1. Grazie del viaggio virtuale che diventa affascinante con la descrizione scritta e con le immagini che hai postato. I luoghi che si raggiungono con non poca fatica rendono maggiormente apprezzabili le minime cose. Anche se è fondamentale una buona base aerobica che consenta di superare con facilità anche eventuali situazioni estreme o di emergenza. Buone camminate.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giuseppe e ben ritrovato!

      Elimina